Vinoè
Vinoè
In collaborazione con F.I.S.A.R.
In collaborazione con F.I.S.A.R.
Rivista Il Sommelier
Rivista Il Sommelier

Rivista Il Sommelier n. 3 - 2017

Nuovo Shop on line
Nuovo Shop on line
Tesseramento 2017
Tesseramento 2017
MINICORSI
Minicorsi
Comitato Decennale Veronelli
Comitato Decennale Veronelli
APP FISAR DOCG
APP FISAR DOCG
Ultimi post

Stop a vendite en primeur di Chàteau-Latour

Rivoluzione nei piccolo mondo dei grand cru. Chàteau-Latour, una delle più prestigiose case vinicole al mondo, abbandona le vendite en primeur, cioè in anteprima. A partire dalla vendemmia 2012, lo Chateau francese, di proprietà di Franois Pinault, metterà i suoi vini in vendita solo quando, secondo il giudizio della casa, saranno pronti per essere bevuti. Una vera e propria rivoluzione. La maggior parte dei produttori di Bordeaux infatti commercializza i propri vini qualche mese dopo la vendemmia, prima perfino di averli imbottigliati. Le case vinicole incassano così un provento immediato e non si trovano a dover gestire le scorte. Chàteau-Latour si ispira invece allo Champagne, dove le maison conservano le loro bottiglie nelle cantine per diversi anni. L’impennata dei prezzi dei grand cru di Bordeaux da quindici anni a questa parte permette alla casa del Médoc di finanziare una strategia costosa in termini di capitale. Latour venderà le sue bottiglie a un prezzo più alto ed eviterà le speculazioni. Il rischio è quello di perdere visibilità uscendo dal circuito delle primeur, che ogni anno attirano nella regione clienti ed esperti.

Fonte: Italia Oggi

Share to Facebook
Share to Google Plus