Vinoè
Vinoè
In collaborazione con F.I.S.A.R.
In collaborazione con F.I.S.A.R.
Rivista Il Sommelier
Rivista Il Sommelier

Rivista Il Sommelier n. 2 - 2017

Nuovo Shop on line
Nuovo Shop on line
Tesseramento 2017
Tesseramento 2017
MINICORSI
Minicorsi
Comitato Decennale Veronelli
Comitato Decennale Veronelli
APP FISAR DOCG
APP FISAR DOCG
Ultimi post

Fenomeno Amarone della Valpolicella

appassimentoOltre 2.000 amanti dell’Amarone della Valpolicella hanno partecipato ad Anteprima Amarone 2009. Un successo ancora maggiore dello scorso anno, a dimostrazione della crescente passione che questo vino suscita tra i consumatori.

Che non si tratti solo di un fenomeno italiano lo dimostra l’interesse dei giornalisti stranieri, una cinquantina, provenienti da tutti i continenti in rappresentanza delle più prestigiose testate internazionali, ma anche il sondaggio realizzato da Veronafiere per il Consorzio Valpolicella su circa 500 tra buyer, addetti di wine store e horeca provenienti da 116 paesi presenti all’edizione 2012 di Vinitaly.

Secondo i risultati, presentati ad Anteprima Amarone dal direttore generale di Veronafiere Giovanni Mantovani, l’Amarone è conosciuto abbastanza/molto bene nel proprio Paese di provenienza dal 68% degli intervistati, contro il 28,5% che ha risposto poco/non molto. Il 53,3% di chi ha risposto ha indicato i piccoli negozi come canale privilegiato di vendita; segue con il 34,9% internet, un dato che sembra privilegiare il rapporto diretto tra chi compra e produttori o siti specializzati capaci di veicolare meglio le caratteristiche di questo vino adatto al consumatore evoluto. L’indagine, con possibilità di risposta multipla, conferma anche che i consumatori considerano l’Amarone della Valpolicella un vino per le occasioni speciali (79,6%) o da ordinare al ristorante (35,4%) o nei wine bar e wine shop (17,5%).

L’Amarone della Valpolicella, sempre nel sondaggio, ritorna frequentemente anche tra i grandi vini rossi che gli operatori vorrebbero trovare a Vinitaly. In particolare, il blocco Amarone, Barolo, Brunello rappresenta il 34% del totale dei vini citati; l’Amarone da solo il 12%. A questa percentuale si può aggiungere un altro 20% sul totale dei vini segnalati rappresentato da Valpolicella e Ripasso della Valpolicella.

Fonte: consorzio di Tutela

Share to Facebook
Share to Google Plus