Vinoè
Vinoè
In collaborazione con F.I.S.A.R.
In collaborazione con F.I.S.A.R.
Rivista Il Sommelier
Rivista Il Sommelier

Rivista Il Sommelier n. 2 - 2017

Nuovo Shop on line
Nuovo Shop on line
Tesseramento 2017
Tesseramento 2017
MINICORSI
Minicorsi
Comitato Decennale Veronelli
Comitato Decennale Veronelli
APP FISAR DOCG
APP FISAR DOCG
Ultimi post

Articoli del Presidente

Editoriale del Presidente pubblicato sulla rivista / Luglio 2015

Giorgio Pennazzato

“Prosecco o Champagne?” Questo è il tema di un incontro che ho tenuto di recente presso lo Slow Theater ad EXPO 2015 Milano. Aldilà delle ovvie diversità di natura enologica, il quesito stava ad indicare anche un diverso stile di vita: “prosecco” è il simbolo della persona giovane, briosa, frizzante, amante del sociale, “champagne” sta a indicare più il tipo classico, ancorato alle nobili tradizioni, ligio ad un rigido disciplinare. E mi veniva spontaneo rapportare questo binomio alla nostra FISAR, trovandovi la coesistenza di un carattere e dell’altro. Infatti vi sono personaggi, riti e manifestazioni solenni, legati all’etichetta e alla tradizione, assieme alle nuove leve, desiderose di innovare e progredire. E così deve essere.

E’ noto dalla scienza di Analisi transazionale che il nostro comportamento è legato a tre “figure”: quella del Genitore, fatta di regole, di “si può o non si può”, di indicazioni etico-morali; quella del Bambino, fatta di istinto, di creatività, di fantasia (si ricordi la poetica del “fanciullino” presente nel Pascoli); e poi quella dell’Adulto (nel nostro caso si pensi alla conduzione del CN), che simile ad un “auriga” deve stimolare o frenare, a seconda del caso, questo o quel “cavallo”. Sono entrambi importanti e in Fisar li ritrovo, come già espresso: c’è il radicamento alla nobile tradizione fisariana, c’è la spinta verso lo sviluppo e l’evoluzione alla pari coi tempi. Purtroppo può capitare, come è successo, che un cavallo imbizzarrito, rompa le redini e galoppi per conto suo, verso altra scuderia: sono cose che accadono, ma che lasciano l’amaro in bocca.

Per passare ora dalle enunciazioni ai fatti concreti, andiamo a descrivere alcuni aspetti della nostra vita associativa. Per valorizzare il primo aspetto (il radicamento alla tradizione), il CN ha riportato la Segreteria Nazionale al giusto ruolo che le compete, inserendola nel pieno delle attività associative, rendendola partecipe dei Consigli Nazionali, per consentire il passaggio immediato dalle delibere dei Consiglieri alla conseguente realizzazione. Un bel grazie dunque all’intesa armonica raggiunta dall’ attuale Segretario Nazionale e dal Responsabile della Segreteria (vedasi anche altro articolo su tale argomento, in questo numero). Continua la nostra partecipazione alla Consulta Nazionale del Vino: il prossimo incontro è fissato per il primo di luglio, quando questo articolo sarà già passato alla pubblicazione; pertanto il resoconto dell’evento e del programma che verrà ivi deciso, figurerà nel prossimo numero della rivista. Ho raccolto inoltre l’emozione di tanti nostri Soci che, visitando Expo 2015, hanno trovato a mescere i vini pregiati del Padiglione Italiano principalmente Sommelier FISAR: un giusto ringraziamento va dunque al Delegato di Monza che si è dato tanto da fare per ottenere questo splendido risultato. E per finire questa prima serie di esempi, cito il piacere e la soddisfazione di ritrovare nel palinsesto di EXPO 2015, ogni lunedì, un relatore Fisar ad intrattenere “the people” su temi enoici.

Passando invece agli eventi e progetti più rivolti al futuro, troviamo FUMOIR, una iniziativa già presentata a Bologna, ripresa e ridefinita negli standard fisariani, ora in via di decollo, per promuovere Fisar in abbinamento alla “degustazione” del sigaro. Abbiamo ripreso in mano il progetto di Workshop e Minicorso in lingua inglese, non ancora passato dalle parole ai fatti, per condurlo a maturazione e lancio per il prossimo autunno. Cito infine un partenariato di rilievo: Fisar è stata scelta dal CINEAS-Politecnico di Milano per partecipare alla creazione di un Master dedicato all’alimentazione e in particolare al vino. I contatti col mondo universitario proseguono pure con Pegaso, l’Università telematica che annovera migliaia di iscritti ai suoi corsi, con la quale stiamo portando avanti la creazione di una sezione dedicata sempre al vino.

Questa è la realtà di Fisar, una realtà che affonda le proprie nobili radici nel passato, ma che protende nuovi rami e foglie rigogliose verso il futuro.

Giorgio Pennazzato
Presidente Nazionale FISAR
presidente.nazionale@fisar.com